Gli chef non dovrebbero limitarsi a ritirare premi durante le fiere del tartufo; è essenziale che contribuiscano all’evento dedicando almeno un piatto speciale, altrimenti l’intera manifestazione diventa una vuota passerella

Il tartufo rappresenta una fusione di cultura e spettacolo culinario, ma il suo vero valore si manifesta quando gli chef mettono le mani in pasta, letteralmente. Troppo spesso, assistiamo a scene in cui rinomati chef si recano alle fiere del tartufo solo per ritirare premi e lasciare il palco senza lasciare un segno culinario tangibile.

Il punto è che il tartufo è un tesoro culinario che merita di essere onorato in modo più profondo. Non basta solo presentarsi alle fiere per ricevere elogi e riconoscimenti. Gli chef di ogni calibro devono dedicare almeno un piatto speciale al tartufo quando partecipano a queste iniziative. Solo così ha senso premiare le grandi personalità della cucina, poiché dimostrano un vero impegno verso la valorizzazione di questo ingrediente straordinario.

Giuseppe Cristini e l’assessore Santelli, organizzatori del Pergola Truffle Show

Lo spettacolo della cucina al tartufo è un’esperienza che appassiona le masse. Tuttavia, è frustrante vedere autorità e appassionati premiare cuochi di fama mondiale che, invece di mettersi ai fornelli, si limitano a ritirare il tartufo e un premio. I cuochi sono nati per cucinare, e quando partecipano a una fiera del tartufo, devono mettere la loro arte al servizio dell’evento, creando piatti indimenticabili.

Dedicare un piatto al tartufo durante la festa è una pratica essenziale. Questo gesto rende il cuoco parte integrante dell’esperienza e coinvolge il pubblico in modo più profondo. La promozione autentica non consiste nell’esibire cuochi stellati in location esclusive a costi proibitivi. Al contrario, una fiera del tartufo ben organizzata porta gli chef stellati nelle piazze, in mezzo alle persone, dove possono condividere il loro talento e la loro passione con il pubblico.

A Pergola i cuochi hanno creato i loro piatti al tartufo e insegnato come utilizzarlo con delle masterclass

Premiare un cuoco senza chiedergli di contribuire attivamente all’evento è un gesto privo di significato. Il tartufo merita di più, e gli chef, indipendentemente dalla loro fama, dovrebbero essere ambasciatori attivi di questa tradizione culinaria.

Al centro lo chef Pierpaolo Ferracuti dopo aver creato un piatto col tartufo

Infine, è importante smettere di chiamare il tartufo un “prezioso tubero”. Questo termine semplifica e banalizza la complessità e la bellezza di questo dono naturale. Invito coloro che lo chiamano così a studiare e scoprire veramente cosa rappresenta il tartufo. È un’esperienza culinaria unica che va oltre qualsiasi definizione superficiale.

3 minuti 6 mesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *