Made in Italy e sovranità alimentare: l’enogastronomia va al governo

Giuseppe Cristini commenta il nuovo ministro, Francesco Lollobrigida, e il nuovo ministero dell’Agricoltura e della Sovranità alimentare: Finalmente un governo che punta alle cose importanti per l’Italia

«Sono ragioni identitarie quelle legate alla Sovranità alimentare, sovranità dei nostri grandi prodotti agricoli tradizionali, delle nostre migliaia di ricette della tradizione, dei nostri vitigni meravigliosi che producono le affascinanti DOCG, e soprattutto le meravigliose Dop e Igp che ci fanno essere i primi al mondo.. Avrei osato ancor di più e trasformato questo ministero in agroalimentare o, perchè, no Ministero dell’Enogastronomia.

Dal cappero di Pantelleria al lardo d’Arnad, dal Montasio fino ad un fiore sardo di alta classe, e potrei continuare per ore, credo che con il Made in Italy e con la sovranità alimentare si parte bene. Complimenti e un in bocca al lupo ai ministri incaricati e al governo Meloni che ci ha creduto.

Un brindisi di auguri e di buon auspicio per il bene dell’Italia e dell’enogastronomia italiana, partendo dal prodotto più prezioso, puro e raro, indovinate quale? Il tartufo».

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.